Customer care

Ho parlato altre volte della “customer care” e di come in Italia ed in Europa in generale questa sia una bella etichetta, quasi sempre applicata nel vuoto, senza corrispondenza ad una vera e propria attenzione per le esigenze del cliente.

Sentite però cosa mi è capitato qualche giorno fa in America, precisamente a Miami Beach.

Era andato a fare acquisti al supermarket, per fare un po’ di scorte per la dispensa, quindi avevo forse una decina di borse da portare a casa.

Al momento di mettere i prodotti nei mobile della cucina, mi moglie si accorge che manca la pasta (non poteva passare inosservata) e qualche altro articolo.

Pensando di aver dimenticato una borsa al supermercato, evidentemente l’addetto aiuto alla cassa, non l’aveva caricata sul carrello, siamo tornati il giorno dopo al supermercato chiedendo se per caso l’avevano trovata e messa da parte.

Al bancone del customer care ho esposto la questione ad una cassiera, alla quale ho anche mostrato lo scontrino ed indicato i prodotti mancanti e questa mi ha risposto di andare agli scaffali a prendere ciò che avevo dimenticato.

Bella scoperta, ho pensato io, questo lo sapevo fare da solo, io volevo solo sapere se avevano trovato la mia borsa e portarmela a casa.

Evidentemente la signorina ha compreso la mia perplessità ed ha ribadito che andassi a prendere tutti i prodotti che mi mancavano.

Non potevo pensare fosse vero quello che avevo immaginato, però visto che comunque quei generi mi servivano, sono andato a prenderli e li ho portati alla cassa.

La signorina ha battuto un nuovo scontrino e ha spuntato sul mio conto le voci corrispondenti alla nuova spesa, dopodiché mi ha consegnato lo scontrino che riportava un importo pari a 0 (zero) e la merce “riacquistata”.

Dire che mi pareva di essere nel paese i bengodi è dire poco.

Ho avuto altre esperienze del genere e di altre ho sentito parlare, ma ottenere nuovamente e gratuitamente la merce che io avevo perduto (sicuramente all’interno del supermercato, va specificato) era una cosa che sinceramente non mi aspettavo. 

Certamente un metodo del genere non è applicabile in Italia e non credo che il problema stia solo dalla parte dei venditori.

Un altro esempio di come la cura del cliente possa avere solidi contenuti e non essere solo vuote parole al vento.

 

 

 

 

By | 2017-03-29T14:13:39+00:00 dicembre 2nd, 2015|cavallo pazzo|0 Comments

About the Author:

Sono l'ing. Renato Carraro, laureato in meccanica e specializzato in gestione aziendale. In 40 anni di attività professionale ho conosciuto moltissime aziende di varie dimensioni ed in tantissimi settori economici. Mi occupo di marcatura CE da quando questa è diventata obbligatoria per le aziende, cioè ormai da 20 anni. I miei studi e le mie esperienze mi consentono di affrontare problematiche tecniche molto diverse, nei più disparati ambiti industriali. La consulenza che posso fornire è relativa alle norme da applicare ed alle direttive da rispettare. Il nostro studio fornisce inoltre consulenza sui seguenti ambiti: - registrazione di marchi - brevetti - perizie - progettazioni ( oleodinamiche e meccaniche ) - sistemi di gestione per la qualità ISO 9001 2015

Leave A Comment