Fondiamo un nuovo Movimento: il SanTommasismo!

//Fondiamo un nuovo Movimento: il SanTommasismo!

Fondiamo un nuovo Movimento: il SanTommasismo!

La  nostra regola d’oro (vedi icona in prima pagina) è :- me lo scrivi e me lo firmi?-.

Questa domanda dovrebbe essere sempre posta a coloro che pontificano ed emettono pareri o vere e proprie “sentenze” su questioni tecniche.

Noi invitiamo tutti coloro che ci contattano, ad utilizzare questo metodo per discriminare innanzitutto coloro che parlano per sentito dire e quelli che invece hanno cognizione di causa.

Sembra incredibile, ma la quantità di persone, anche sedicenti tecnici e professionisti, che parla a vanvera è grandissima.

Ormai è storica la tesi di alcuni, anche in ambito Confindustria, che sostiene che i cinesi (indiani, thailandesi, ecc.) possono marcare CE i loro prodotti, facendo evidentemente confusione, tra gli obblighi relativi al prodotto, che deve sempre rispettare le leggi europee, ed il produttore che può rispettare le leggi solo se residente in Europa e non si vede come dovrebbe essere diversamente.

I casi di informazioni fornite ai richiedenti e basate sulla assoluta ignoranza sono numerosissimi e ne cito solo alcuni:

– la dichiarazione di conformità degli impianti può essere firmata solo da un laureato abilitato.    falso

– la direttiva RoHS non si applica ai prodotti elettronici, ma ai rossetti (non è una barzelletta).    falso

– gli occhiali da sole per essere marcati hanno necessità di certificato da Organismo Notificato.    falso

– i cosmetici devono essere marcati CE.    falso

– per passare la dogana i prodotti devono essere marcati CE (da chi?).     falso

Potrei continuare con molti altri esempi, ma credo questi siano sufficienti a fornire un quadro della totale ignoranza che accomuna: operatori economici, autorità di controllo, consulenti.

Per questi motivi e tanti altri noi invitiamo tutti i nostri lettori a non fidarsi della parola di nessuno (neppure della nostra) di chiedere sempre conferma scritta e soprattutto risalire alla fonte delle informazioni, quindi ricercare le leggi, le direttive, i regolamenti, le norme.

Dobbiamo prendere esempio da San Tommaso che non credeva finché non metteva il naso.

Dobbiamo abbandonare la convinzione la “non fiducia” sia un atteggiamento negativo, in un mondo afflitto da disonestà e stupidità, non fidarsi diventa doveroso, un modo intelligente per non ricevere spiacevoli fregature.

Non fidarsi significa voler verificare sempre e nei limiti del possibile ciò che ci viene “raccontato”, dato che siamo arrivati al punto che anche le questioni tecniche vengono affrontate come delle favole.

Perciò occhio ai “furbi” e cominciamo ognuno nel proprio ambito, a fondare questo nuovo Movimento il “SanTommasismo” e mettiamo il naso in ogni cosa.

By | 2017-03-29T14:14:01+00:00 maggio 29th, 2013|La Fattoria degli Animali (Rassegna stampa)|2 Comments

About the Author:

Sono l'ing. Renato Carraro, laureato in meccanica e specializzato in gestione aziendale. In 40 anni di attività professionale ho conosciuto moltissime aziende di varie dimensioni ed in tantissimi settori economici. Mi occupo di marcatura CE da quando questa è diventata obbligatoria per le aziende, cioè ormai da 20 anni. I miei studi e le mie esperienze mi consentono di affrontare problematiche tecniche molto diverse, nei più disparati ambiti industriali. La consulenza che posso fornire è relativa alle norme da applicare ed alle direttive da rispettare. Il nostro studio fornisce inoltre consulenza sui seguenti ambiti: - registrazione di marchi - brevetti - perizie - progettazioni ( oleodinamiche e meccaniche ) - sistemi di gestione per la qualità ISO 9001 2015

2 Comments

  1. Renato Carraro 31 maggio 2013 at 11:40

    Salve, Lei ha compreso perfettamente e questo può dipendere dal fatto che è intelligente o dal fatto che mi sono spiegato bene, facciamo e metà e diciamo che sono vere entrambe le cose.
    La marcatura CE è un obbligo dell’importatore ed un soggetto extra europeo non la può fare ed applicare, ma se quel soggetto extraeuropeo agisce in nome e per conto dell’importatore e quindi: stampa il manuale in italiano, la dichiarazione di conformità in italiano firmata dall’importatore e che riporta tutti gli estremi dell’importatore, applica l’etichetta CE con il marchio CE ed il nome dell’importatore, allora tutto è perfettamente regolare, in questo caso il cinese di turno è solo la mano operativa dell’importatore che sta in Italia/Europa (naturalmente se cambia Paese cambia la lingua).
    Dato che tutte queste cose (fascicolo tecnico) l’importatore le deve fare, noi consigliamo di farle prima dell’importazione, così evita anche i problemi derivanti da turbe doganali.
    La ringrazio per avermi dato la possibilità di chiarire, spero oltre ogni dubbio, la questione di chi può fare la marcatura CE, con buona pace dei consulenti che hanno studi in Cina o dei professionisti che tengono corsi per Confindustria, che sostengono che i produttori cinesi possono marcare CE le loro macchine, chissà come saranno contenti il Presidente Squinzi e tutti i produttori di macchine!!!!
    Buona giornata

  2. Luca 31 maggio 2013 at 11:22

    Buongiorno sig. Carraro,
    seguo con interesse il suo blog, e apprezzo molto la sua preparazione e competenza,
    mi permetta solo una piccola annotazione che magari agli occhi di un lettore non molto attento che consulta il blog può creare malintesi:
    in molte risposte lei correttamente dice che la marcatura CE non può essere fatta da un soggetto extra europeo, ma in altre afferma che per evitare problemi con i solerti doganieri sarebbe meglio che le macchine arrivassero già marcate…
    Io ho inteso benissimo che lei vuole semplicemnete dire: fate tutta la procedura burocratica per la marcatura come si conviene come importatori ma per evitare noie in dogana mandate le etichette da applicare FISICAMENTE alla merce al soggetto extra europeo..

    E’ solo un dettaglio, un cercare il pelo nell’ uovo lo so… ma credo che molti possano essere fuorviati da questa cosa… (o si vogliono fare fuorviare? che ne pensa?)

    Distinti saluti
    Luca

Leave A Comment