Ecco la soluzione!!!!

Ecco la soluzione!!!!

I politici e gli economisti si stanno impegnando da anni per capire come risolvere una crisi economica senza precedenti.

Sinceramente non sappiamo se loro troveranno questa soluzione, ma ci giunge una notizia che dimostra come dei “solerti funzionari delle dogane” abbiano brillantemente risolto questo problema, e soprattutto senza alcun onere pubblico, quindi anche la legge finanziaria è salva.

Ecco la soluzione già messa in atto!

Un container di prodotti, diciamo per esempio prodotti elettrici, ma il bello è che il sistema funziona a prescindere dai prodotti, viene sequestrato perché non in regola con la marcatura CE.

Il sequestro avviene al momento del passaggio in dogana, quindi in modo perfettamente illegale, ma si sa che questa è prassi nel Bel Paese, ed a noi questa prassi comincia a piacere, perché ci procura molto lavoro, inoltre l’illegalità, soprattutto commessa da pubblici funzionari, non è ritenuta cosa strana e disdicevole é semplicemente normale.

In un Paese di ladri, chi ruba è perfettamente normale e tale è considerato, ma torniamo al container, inutile parlare della normalità, vediamo invece la genialità.

Il container di merce, evidentemente abbandonato dal legittimo proprietario, forse perché il costo per sbloccarlo superava ormai il valore della merce, viene messo all’asta, forse il ricavato andrà nella voce di bilancio “ricavi da azioni illegali“, c’è ne sono molte altre se è per questo.

Viene battuta l’asta ed uno “scaltro” acquirente se lo aggiudica, evidentemente c’è ancora qualcuno che si fida dei “solerti funzionari“, pagando regolarmente quanto pattuito.

Ecco però la sorpresa, il container viene nuovamente bloccato, perché la merce non è in regola con la marcatura CE e si chiede a chi lo ha acquistato di regolarizzarlo prima del ritiro.

Ora poniamo alcune “inutili” domande:

perché si mette all’asta una cosa che non può essere ritirata?

perché la regolarizzazione prima del ritiro non è stata proposta anche al legittimo proprietario, che avrebbe potuto farla?

com’è possibile ora regolarizzare la merce dentro al container, senza averla a disposizione?

dove si trova traccia di questa procedura, partita illegale è diventata illegale al quadrato?

Lasciamo perdere le domande e vediamo la genialità dell’operazione, invece di criticare e basta!

Ripetendo questa procedura enne volte, ovvero: sequestro, asta, sequestro, asta e via, si possono introitare soldi all’infinito e finalmente potrebbero essere sistemate le casse dello Stato.

Mi chiedo come mai i nostri “solerti politici” che nulla hanno da invidiare ai “solerti funzionari“, non ci abbiano ancora pensato, quando si dice : creatività italiana! Ecco il vero Made in Italy.

Ha ragione Farinetti, quello di Eataly, bisogna essere “furbi ma onesti” a che servono le gare per aggiudicare gli spazi all’Expo? Se uno è “furbo ma onesto” evita di perdere tempo con inutili scartoffie, si prende direttamente gli spazi che gli servono, poi fa un migliaio di contratti di lavoro atipico, tutto legale naturalmente, altrimenti si perde l’onesta, ed ecco fatto il business all’italiana, questo si, noto in tutto il mondo.

Pero ora è Natale, siamo buoni e vogliamoci bene, amo questi italiani soprattutto quando minacciano di espatriare, perché posso sempre sperare, per i “solerti funzionari” dobbiamo invece sperare nel corso della natura.

Auguri per tutto l’anno!

 

 

 

 

 

 

About the Author:

Sono l'ing. Renato Carraro, laureato in meccanica e specializzato in gestione aziendale. In 40 anni di attività professionale ho conosciuto moltissime aziende di varie dimensioni ed in tantissimi settori economici. Mi occupo di marcatura CE da quando questa è diventata obbligatoria per le aziende, cioè ormai da 20 anni. I miei studi e le mie esperienze mi consentono di affrontare problematiche tecniche molto diverse, nei più disparati ambiti industriali. La consulenza che posso fornire è relativa alle norme da applicare ed alle direttive da rispettare. Il nostro studio fornisce inoltre consulenza sui seguenti ambiti: - registrazione di marchi - brevetti - perizie - progettazioni ( oleodinamiche e meccaniche ) - sistemi di gestione per la qualità ISO 9001 2015

2 Comments

  1. Renato Carraro 29 dicembre 2014 at 19:07

    Salve, quando si è coscienti di ciò che ci capita intorno c’è sempre un motivo per festeggiare, pensi come sarebbe Lei se fosse uno di quei funzionari di cui parliamo così spesso?
    Io una vita come la loro non riesco neppure ad immaginarla e mi vengono i brividi solo a provarci.
    Provi a pensare ad una vita in compagnia di un sé stesso simile ad uno di questi soggetti, la voglia di un solo suicidio sarebbe insufficiente a placare la disperazione, dovremmo cercare il modo di ucciderci a ripetizione.
    Ritengo però che gli idioti, proprio perchè tali, non se ne rendano conto e vivano una situazione ideale, pienamente soddisfatti delle loro idiozia e forse se la ridono della totale noncuranza con la quale coloro che li subiscono, riescono ad accettarli e sopportarli.
    Provi ad immaginare la situazione vista dal punto di vista dell’idiota di turno, e vedrà che cambierà prospettiva e che i veri colpevoli sono coloro che li tollerano.
    La mosca è mosca, e se diventa infestante la colpa non è sua, in quanto mosca, ma di chi non usa il moschicida.
    Festeggio per non essere nato o diventato “mosca” e festeggio anche perchè faccio quanto è nelle mie possibilità per essere un “moschicida”.
    In fondo anche fornire informazioni corrette alle autorità di controllo, altrimenti annaspanti nel buio, è un ruolo da “moschicida”, fare pulizia e chiarezza rende più difficile la vita alle “mosche” ed a tutti gli “insetti” infestanti, sperando nella clemenza degli animalisti.
    La saluto e Le auguro Buon Anno Nuovo e con Lei anche a tutti i partecipanti e lettori del blog.
    Ing. Carraro

  2. Luca 29 dicembre 2014 at 17:41

    Buongiorno..
    a questo giro non ho la forza di commentare tranne che con un:
    e ‘sti cxxxxx !!!!!
    se fosse una barzelletta sarebbe la migliore al mondo, ma putroppo non lo è…
    Ho ancora qualche panettone in giro, vado a mangiarmene una fetta e a brindare,
    anche se a questo punto non so a che cosa…
    Saluti

Leave A Comment