Vi racconto una “nuova” storia

//Vi racconto una “nuova” storia

Vi racconto una “nuova” storia

In un Paese chiamato “Non so”, dove se dici “ladro” ad un ladro, vieni querelato e rischi realmente una condanna, dove se rubi 12 miliardi di euro ai risparmiatori, ma dimostri di non stare tanto bene, invece del carcere te ne stai nella villa acquistata con i soldi che hai rubato, dove un rappresentante del popolo che si fa comprare per un milione di euro non viene arrestato, evidentemente perchè i colleghi ritenevano esigua la cifra, mentre invece se ne ruba 20 di milioni, per mandarlo in galera è quasi necessaria una sollevazione popolare, anziché la normalissima legge “uguale per tutti”, insomma in un Paese che chiaramente non esiste ed è frutto di una fervida e malata fantasia, è capitata questa vicenda.

Dei signori che chiameremo ” i signori del sale” hanno fatto un bel ragionamento: – se andando al mare si migliora la salute delle vie respiratorie, se il medico consiglia il mare per i bronchi ed i polmoni, perchè non facciamo respirare il sale alle persone che hanno problemi respiratori o che vogliono mantenersi sane?

Detto fatto hanno prodotto una macchina che polverizzava il sale e lo diffondeva nell’aria, però per rendere più credibile questa macchina, l’hanno definita “dispositivo medico”, cosa che non era affatto e l’hanno venduta per fare terapie, ma qui occorre precisare che nel Paese di “Non so” per praticare terapie mediche è necessario essere medici, pensate un pò, quindi questa macchina poteva in teoria essere venduta solo ai medici.

Non essendo un dispositivo medico i medici non l’avrebbero acquistata e quindi i signori di cui sopra, con un’abile campagna pubblicitaria hanno convinto migliaia di cittadini che chiamiamo “Nonsoiani” ad investire decine di migliaia di euro per aprire dei centri in cui con questa macchina, si offriva a centinaia di migliaia di altri “Nonsoiani” , una terapia che curava le vie respiratorie.

Terapia e cura che sono sinonimi, le possono fornire solo i medici, ma come spesso accade il questo paese di fantasia, nessuno si è accorto di nulla fino a che ……… le medicine per curare le patologie più semplici delle vie respiratorie, hanno avuto un drastico calo delle vendite, cioè molte persone non ne avevano più bisogno. Pensate che se si aprono diciamo un numero a caso, 2.600 centri per fare queste “terapie” ed in esse ci vanno prima di tutti coloro che soffrono di patologie respiratorie, si fa presto a perdere la vendita di decine di migliaia di flaconi di medicine.

A questo punto chi vendeva le medicine, si è rivolto ad un Ministero ed ha detto: – quel sale fa male (alle nostre tasche), quelle attività sono abusive, quelle terapie le possono fare solo i medici, (ma se non le fanno neppure loro è meglio) quindi la soluzione sarebbe quella di far sparire tutte le macchine, perchè dannose!-.

L’ubbidiente Ministero, chissà perchè a “Non so” i Ministeri sono sempre obbedienti alle lobbies e sordi nei confronti dei cittadini?, si è mosso immediatamente e con un documento ufficiale ha decretato che tutte quelle macchine ed anche quelle simili, fossero immediatamente ritirate dal mercato, chiuse le attività e mandati a spasso migliaia di lavoratori, così imparano!

Le autorità preposte hanno eseguito IMMEDIATAMENTE  gli ordini con molta solerzia, che in altri casi proprio non si vede e così dopo pochi giorni : macchine sequestrate, centri chiusi e persone a spasso, ma in nome della salute pubblica, si DOVEVA fare così.

Come si sa, anche a “Non so” il diavolo si nasconde nei dettagli e non avendo rispettato la legge, che impone di avvisare chi vende ed utilizza prodotti potenzialmente non regolari, e di metterlo in condizione di sistemarli, prima di passare alle vie di fatto, il Ministero è stato condannato a pagare una multa ed il suo diktat annullato.

Così oggi, potranno riaprire i centri, si potrà continuare ad erogare una “terapia”, con macchine che non sono in regola ed il tutto senza che nessuno si sia preoccupato di cercare di capire:

– se respirare il sale polverizzato può fare bene o male

– se il sale per essere medicinale debba o meno contenere sostanze particolari come ad esempio lo iodio

– se quelle macchine possano, o debbano diventare dispositivi medici

– se macchine simili che invece del sale solido, nebulizzano acqua e sale siano o meno la stessa cosa

Tutto ciò, che certamente è importante per la salute del “Nonsoiani”, non interessa minimamente al Ministero, alle Autorità ed al Tribunale di “Non so”, l’importante per loro è aver fatto qualcosa, seguendo ognuno il suo ragionamento ed infischiandosene se ora non è cambiato nulla e probabilmente tutto si risolverà in un nulla di fatto, dicendo che il sale si può respirare solo per poco tempo in attesa di accertamenti, che quella fatta in questi centri non è e non può essere definita “terapia” e che chi si sottopone a questi trattamenti lo fa a suo rischio e pericolo liberando tutti gli altri da ogni responsabilità.

D’altronde pensate che ci giunge notizia che dopo un terremoto avvenuto qualche secolo fa, gli artigiani hanno chiesto ai loro lavoratori, di assumersi tutte le responsabilità se gli fosse caduto il tetto della bottega in testa.

Pensate che buffo sarebbe se veramente esistesse il Paese di “Non so”.

“Ogni riferimento a luoghi, fatti e persone è frutto di fantasia “malata” e puramente casuale”

By | 2017-03-29T14:14:11+00:00 giugno 22nd, 2012|La Fattoria degli Animali (Rassegna stampa)|0 Comments

About the Author:

Sono l'ing. Renato Carraro, laureato in meccanica e specializzato in gestione aziendale. In 40 anni di attività professionale ho conosciuto moltissime aziende di varie dimensioni ed in tantissimi settori economici. Mi occupo di marcatura CE da quando questa è diventata obbligatoria per le aziende, cioè ormai da 20 anni. I miei studi e le mie esperienze mi consentono di affrontare problematiche tecniche molto diverse, nei più disparati ambiti industriali. La consulenza che posso fornire è relativa alle norme da applicare ed alle direttive da rispettare. Il nostro studio fornisce inoltre consulenza sui seguenti ambiti: - registrazione di marchi - brevetti - perizie - progettazioni ( oleodinamiche e meccaniche ) - sistemi di gestione per la qualità ISO 9001 2015

Leave A Comment