La procedura di marcatura CE

La procedura di marcatura CE

Vi ricordate che fin dalle elementari ci hanno insegnato che in una somma, invertendo l’ordine dei fattori il risultato non cambia?

Si chiama proprietà commutativa ed è sempre stata oggetto di curiosità, anche se poi alla fine a poco ci serviva.

Non gode della stessa proprietà la sottrazione, infatti se in una sottrazione si cambia l’ordine dei fattori il risultato cambia, eccome.

Perchè questa introduzione di sapore scolastico in un sito dedicato alla marcatura CE?

Perchè la marcatura CE è come la sottrazione, se si cambia l’ordine dei fattori il risultato cambia.

Faccio un esempio che ripeto spesso e chiedo scusa in anticipo per la citazione.

Se io ed il Sig. Cracco (cuoco stellato), andiamo allo stesso mercato ed acquistiamo gli stessi ingredienti e nella stessa quantità, pensate davvero che una volta in cucina otterremo lo stesso risultato?

Risposta semplice e scontata NO, NO e NO!

Allora per quale ragione se io, totalmente incapace di costruire alcunché e Voi che costruite ogni tipo di prodotto, disponessimo degli stessi componenti per realizzare il Vostro prodotto, tutti già marcati CE, dovremmo ottenere lo stesso risultato?

Pensate davvero di essere così incapaci, che la Vostra professionalità non conti nulla e che sia sufficiente mettere assieme dei prodotti marcati CE, per ottenere un prodotto già marcato CE, automaticamente, senza il Vostro intervento, progettuale e realizzativo, che quindi non serve a nulla?

Ovviamente non è così, non è sufficiente mettere insieme alla rinfusa, in qualsiasi modo o ordine dei componenti marcati CE, per ottenere un prodotto già marcato CE, perchè conta e conta molto, il come si mettono assieme quei componenti.

Quelli tra Voi e sono molti, che chiedono se basti usare tutti componenti marcati CE per ottenere un prodotto marcato CE, sottovalutano la loro capacità, la loro esperienza, le loro conoscenze, che fanno in modo che quei prodotti, già marcati CE, siano messi assieme in modo corretto e tale da rispettare le direttive e le norme che disciplinano quei prodotti.

La marcatura CE è contemporaneamente “il cosa” (i componenti) ed “il come” (la conoscenza) si realizza un prodotto.

Il “cosa” privato del “come” è solo un insieme di componenti, che per quanto conformi e marcati CE, non sono nulla, se non sono messi assieme in modo corretto e rispettoso della legge.

Quindi alla domanda: mettendo assieme dei componenti marcati CE, ottengo in automatico un prodotto marcato CE, la risposta è una e semplice: NO!

La nostra società può assistere gli operatori in tutto il percorso di marcatura CE e di conformità  alla direttiva sulla sicurezza, che parte dall’analisi dei rischi (sicurezza dei prodotti) e si conclude con il servizio post vendita ed in tutte le procedure previste dalle varie direttive che riguarda i prodotti.

Per ottenere informazioni ed eventuale consulenza contattateci, Vi risponderemo velocemente ed in ogni caso.

I nostri contatti sono: carraro@marchioce.net049  8875489335 7815770 chiama, riceverai subito una risposta, oppure utilizza il modulo di contatto che trovi nella home page.

 

By |2019-01-17T19:16:38+00:00dicembre 17th, 2018|aspetti tecnici del Marchio e della Marcatura CE|0 Comments

About the Author:

Sono l'ing. Renato Carraro, laureato in meccanica e specializzato in gestione aziendale. In 40 anni di attività professionale ho conosciuto moltissime aziende di varie dimensioni ed in tantissimi settori economici. Mi occupo di marcatura CE da quando questa è diventata obbligatoria per le aziende, cioè ormai da 20 anni. I miei studi e le mie esperienze mi consentono di affrontare problematiche tecniche molto diverse, nei più disparati ambiti industriali. La consulenza che posso fornire è relativa alle norme da applicare ed alle direttive da rispettare. Il nostro studio fornisce inoltre consulenza sui seguenti ambiti: - registrazione di marchi - brevetti - perizie - progettazioni ( oleodinamiche e meccaniche ) - sistemi di gestione per la qualità ISO 9001 2015

Leave A Comment