La regola d’oro

/La regola d’oro
La regola d’oro 2017-03-29T14:13:24+00:00
Riceviamo continuamente sia per l’attività di consulenza, che nella vita di tutti i giorni, comunicazioni del tipo:
-mi hanno detto che questo GIOCATTOLO non deve avere il Marchio CE
-mi hanno detto che per le TRAVI in legno lamellare o massiccio non è ancora obbligatorio il marchio CE
-ho sentito dire che le MACCHINE usate si possono vendere anche se non hanno il marchio CE
Ma il “referita” si può estendere a molte altre cose come ad esempio: i riproduttori di musica devono pagare la SIAE, oppure la macchinetta per l’alcool test è un DISPOSITIVO MEDICO di classe IIa.
Sostengo da sempre che noi nasciamo ignoranti e moriamo un pò meno ignoranti, quindi è ovvio che l’ignoranza è una condizione umana NORMALE, che non può essere considerata una colpa, anche se la legge non la considera una scusante.
Ciò che a mio avviso è ESTREMAMENTE colpevole è approfittare dell’ignoranza altrui regalando o vendendo la propria ignoranza.
Ad esempio dire “questa prova serve” non è lo stesso che dire questa “prova è obbligatoria per legge“, ma chi ascolta non percepisce la differenza e quindi sarà indotto a fare delle prove di laboratorio non richieste dalla legge, seppure utili.
Su queste informazioni senza alcun fondamento e men che meno prova, molti ingenui ed in buona fede, basano le loro decisioni, quindi ad esempio importano e vendono prodotti totalmente fuori legge e non per colpa dei “cinesi”, oppure costruiscono prodotti senza avere la minima idea dei vincoli a cui sono sottoposti.
Noi C.&C. s.a.s. forniamo un antidoto per questi virus che infettano la nostra società e l’abbiamo chiamata “La regola d’oro” perché è SEMPRE valida , in TUTTO il mondo.
Questa regola consiste nel porre a chi Vi comunica qualcosa di tecnico o comunque, che per Voi è importante e soprattutto che Vi fa spendere soldi, questa semplice  domanda:

-ME LO SCRIVI E ME LO FIRMI?-

o

Quasi certamente non otterrete alcuna risposta, ma almeno le Vostre orecchie saranno risparmiate da questi ragli d’asino.

Leave A Comment