Le batterie? NO, NO, NO,NO! (sic)

//Le batterie? NO, NO, NO,NO! (sic)

Le batterie? NO, NO, NO,NO! (sic)

Si dice sempre: le critiche costruttive sono utili, è bene ascoltarle e rifletterci e via discorrendo.

Ritengo però, molto umanamente, che quando si riceve una critica, la prima reazione sia quella di rigettarla, perchè l’alternativa è ammettere un proprio errore, e questo non fa piacere a nessuno.

Una cosa è il ragionamento razionale, un’altra è la reazione naturale ed onestamente ritengo di adottare entrambe.

Chi ci segue su questo blog, attivo ormai da 7 anni, sa che abbiamo sempre accolto e pubblicato le critiche (scempiaggini a parte), ed alcune volte le abbiamo adottate in pieno, perchè segnalavano palesi errori da parte nostra.

Rimane comunque spiacevole ricevere una telefonata, peraltro educata, nella quale ci viene comunicato che in un nostro articolo sulle batterie, c’è un’affermazione sbagliata, non tanto per il contenuto, ma per la forma, ovvero: – ciò che avete scritto è sbagliato! Non un: – ritengo che le cose siano diverse, o a mio parere questa frase è scorretta -, ma un lapidario: avete sbagliato!

Si tratta di questa nostra affermazione, scritta peraltro molto tempo fa: – le pile, se vengono vendute separatamente ad un prodotto, che ha obbligo di marcatura CE e ne fanno parte integrale, devono a loro volta essere marcate CE -. Certamente la frase non era riferita alle stilo, ma ad esempio alle batterie di un mezzo da cantiere che non circola per strada, oppure alla batteria di un cellulare. Componenti funzionali e non materiale di consumo, venduti separatamente sul mercato.

Abbiamo fatto presente al nostro interlocutore che avevamo opinioni diverse e quando abbiamo affermato:– comunque le pile e gli accumulatori vanno in ogni caso marcati CE-, la risposta è stata: NO, NO, NO, NO, come se avessimo compiuto un atto di lesa maestà.

Abbiamo allora chiesto: – ma Lei conosce la direttiva RoHS che si applica a tutti i componenti elettrici/elettronici e che prevede la presenza del marchio CE su tali prodotti? –. La risposta ha fatto intendere che questa direttiva era nota, come una preghiera quotidiana, ma che non si applica alle pile ed agli accumulatori, perchè questi non sono prodotti elettrici o elettronici. (Sic)

A questo punto abbiamo ritenuto opportuno ringraziare e salutare, continuare la discussione poteva essere un’attività a rischio, per la nostra igiene mentale.

Quindi per questo signore, dichiaratosi “tecnico della sicurezza” e “consulente di importanti aziende produttrici di batterie”, questi prodotti non sono elettrici ed elettronici, forse non sa che la corrente la producono in base al trasferimento naturale di elettroni da un polo all’altro. Forse quegli elettroni non sono elettronici, sono di natura etilica.

Ha concluso affermando che voleva avere uno scambio di idee, peccato che ciò che affermava fosse qualcosa di diverso e soprattutto, fosse completamente sbagliato.

Forse, abbiamo riflettuto dopo, qualche dubbio lo aveva nel merito, ma accettare che le batterie e gli accumulatori avessero l’obbligo di marcatura CE, metteva in discussione le sue convinzioni e la correttezza del lavoro di consulenza fino ad oggi “venduto” ai suoi ignari clienti.

Caro lettore critico, un mio amico afferma “fino alla bara sempre si impara” e negare l’evidenza in base all’ignoranza non è esattamente uno scambio di opinioni.

Ma gli elettroni che circolano in una batteria sono elettronici? Ai posteri.

By | 2017-03-29T14:13:30+00:00 novembre 18th, 2016|batterie|0 Comments

About the Author:

Sono l'ing. Renato Carraro, laureato in meccanica e specializzato in gestione aziendale. In 40 anni di attività professionale ho conosciuto moltissime aziende di varie dimensioni ed in tantissimi settori economici. Mi occupo di marcatura CE da quando questa è diventata obbligatoria per le aziende, cioè ormai da 20 anni. I miei studi e le mie esperienze mi consentono di affrontare problematiche tecniche molto diverse, nei più disparati ambiti industriali. La consulenza che posso fornire è relativa alle norme da applicare ed alle direttive da rispettare. Il nostro studio fornisce inoltre consulenza sui seguenti ambiti: - registrazione di marchi - brevetti - perizie - progettazioni ( oleodinamiche e meccaniche ) - sistemi di gestione per la qualità ISO 9001 2015

Leave A Comment