La sicurezza CE nel movimento terra

La sicurezza CE nel movimento terra

La nostra società esegue la marcatura CE delle macchine operatrici e fornisce la consulenza per farvi diventare autonomi.

macchina operatrice

Macchine potentissime, versatili e che risparmiano agli operatori fatiche immani, sembrano facilissime da utilizzare però…….

Il loro grado di pericolosità è molto elevato, perché possono creare danni gravissimi a persone, animali e cose che sono presenti nel loro campo di azione ed anche a chi le comanda.

La direttiva macchine prevede particolari caratteristiche per queste macchine che inoltre hanno particolari vincoli collegati alla rumorosità.

Questo articolo è pubblicato per evidenziare la presenza di una specifica categoria, ma per avere informazioni dettagliate si veda la categoria “macchine e macchinari“.

La nostra società esegue la marcatura CE e fornisce la consulenza per capire cosa è necessario fare.

Il nostro telefono è 049 8875489.

Potete richiedere informazioni e preventivi gratuiti.  La nostra mail è carraro@marchioce.net

Per consultazioni veloci chiamate il n° 335 7815 770, Ti risponderà direttamente l’ing. Carraro.

logo_piccolo

Siamo i migliori? Non spetta a noi dirlo, ma certamente siamo onesti!

CHIAMA SUBITO, NON PERDERE TEMPO

Possiamo farTi superare le difficoltà di un argomento complesso, con efficacia ed efficienza.

Prima di Te hanno lavorato con noi:

  • multinazionali che operano in vari settori produttivi, dal petrolifero all’oleodinamico
  • squadre di calcio di serie A per i loro gadget
  • Guardia di Finanza
  • Polizia Tributaria
  • Carabinieri
  • Polizia di Stato
  • Dogane e spedizionieri
  • e centinaia di aziende, proprio come la Tua

Pensi che siano TUTTI degli sprovveduti?

Contattaci, riceverai sempre e comunque una risposta immediata! Niente attese telefoniche, linea diretta con l’esperto al 335 7815 770

Per raggiungerci gratis e senza limiti di tempo usa Skype; Il contatto skype è alteregocarraro

(aggiungici manualmente o clicca sull’immagine qui sotto)

Skype Me™!

se hai una webcam ci potremo anche vedere, e non saremo solo una voce o una mail.

About the Author:

Sono l'ing. Renato Carraro, laureato in meccanica e specializzato in gestione aziendale. In 40 anni di attività professionale ho conosciuto moltissime aziende di varie dimensioni ed in tantissimi settori economici. Mi occupo di marcatura CE da quando questa è diventata obbligatoria per le aziende, cioè ormai da 20 anni. I miei studi e le mie esperienze mi consentono di affrontare problematiche tecniche molto diverse, nei più disparati ambiti industriali. La consulenza che posso fornire è relativa alle norme da applicare ed alle direttive da rispettare. Il nostro studio fornisce inoltre consulenza sui seguenti ambiti: - registrazione di marchi - brevetti - perizie - progettazioni ( oleodinamiche e meccaniche ) - sistemi di gestione per la qualità ISO 9001 2015

59 Comments

  1. Alberto 29 marzo 2014 at 14:30

    Salve, ho un bobcat x320, ho il certificato CE, ma durante l’utilizzo del miniescavatore ho piegato e rotto la targhetta posizionata vicino al braccio. Adesso posso richiederne un altra? che procedura devo seguire?

  2. Renato Carraro 6 marzo 2014 at 18:42

    Salve, prima di tutto è necessario verificare se la macchina rispetta le norme di sicurezza, successivamente è necessario procedere alla marcatura CE.
    L’iter è contenuto nella direttiva macchine, il nostro lavoro consiste nel fornire l’assistenza in tutto questo processo.
    Cordiali saluti.
    ing. Carraro

  3. giuseppe 6 marzo 2014 at 18:24

    Salve sono proprietario di una mini pala cat 277b anno 2005 e stata aquistata negli Stati Uniti non a CE cosa devo fare per metterla in regola in Italia.

  4. Renato Carraro 22 ottobre 2013 at 11:57

    Buongiorno, non posso disporre della disponibilità degli altri e non conosco nessuno che possa fare al caso Suo, però Le propongo un’altra strada, poi Lei mi dirà se è percorribile.
    Cercare dei mezzi vecchi o vecchissimi, ma funzionanti, rimetterli a norme, utilizzarli e poi rivenderli, da parte mia Le fornirei gratuitamente la consulenza per fare i lavori di sistemazione delle macchine e senza contropartita pubblicitaria.
    Non conosco le Sue necessità in merito a questi mezzi e neppure la disponibilità a seguire la strada da me indicata e se ne vale la pena, però è l’unica cosa che mi è consentita.
    Se poi mi fornisse delle indicazioni sulla Sua zona di residenza (magari nella mail privata) potrei vedere se conosco qualche operatore.
    Cordiali saluti
    ing. Carraro

  5. puppa manuel 22 ottobre 2013 at 11:50

    Buongiorno sono Puppa Manuel,sono rimasto disabile dA circa 5 anni e da alcuni mesi mi e’stato donato un terreno di 4.000 mq e sto trasformandolo in un parco per la pet terapy e l’ippoterapia……..sto cercando mezzi a noleggio per i lavori come escavatori,trattori,motocariole ect ect a prezzi modici esendo una cosa totalmente finaziata da me stesso ma nonostante questo le ditte piu grosse non mi vengono incontro esponendomi prezzi strabilinti!!!Volevo sapere se poteva essermi d’aiuto sapendomi indicare aziende oneste le quali potrei sponsorizzare mettendo degli striscioni intorno al parco come pubblicità nei loro confronti?
    L’occasione e’ lcita per ringraziarla anticipatamente e porgerli,
    distinti saluti
    Puppa Manuel

  6. Renato Carraro 13 ottobre 2013 at 22:06

    Salve, se come Lei dice il mezzo è targato, significa che è un veicolo, quindi prima di tutto faccia una cosa semplicissima: chieda al venditore di mettere per iscritto e firmare le cose che Le ha detto. Questo serve solo per togliersi una soddisfazione personale.
    La seconda cosa ancora più semplice da fare è cancellare quella persona dalla Sua agenda, dalle Sue conoscenze e dalla Sua vita.
    Trattasi di elemento pericoloso, oltre che imbroglione, disonesto e stupido e credo che queste caratteristiche siano sufficienti per fare ciò che Le ho suggerito.
    In alternativa se preferisce il rischio, continui ad avere rapporti con lui, in fondo non tutti vogliono evitare i problemi, anzi alcuni li cercano in tutti i modi, acquistare un veicolo ed andarci per la strada o in cantiere senza un regolare passaggio di proprietà è uno di questi modi.
    Cordiali saluti.

  7. Finessi Giancarlo 13 ottobre 2013 at 19:02

    G.mo Ing. Carraro, dovrei acquistare un escavatore gommato (Mazzotti 80ql. anno 78 ) con targa e libretto, ma essendo all’oscuro di tutte queste norme, Le chiderei qualche chiarimento: Il venditore mi ha riferito che non occorre il passaggio di proprieta’, ma solo la fattura di acquisto che conferma il passaggio di proprieta’. Ma essendo il mezzo targato, non si dovrebbero rispettare le norme notarili p.r.a ecc.? Inoltre essendo io l’utilizzatore sul mio terreno, necessita ugualmente della marcatura ce? Cordiali saluti Giancarlo F.

  8. Renato Carraro 24 maggio 2013 at 11:18

    Salve, per poter utilizzare questo prodotto Le deve fare la marcatura CE, ovvero l’intera procedura per dimostrare che il prodotto è sicuro, valuti bene i costi prima di completare l’acquisto.
    Cordiali saluti

  9. vincenzo 23 maggio 2013 at 22:18

    buona sera io sono un privato vorrei acquistare un miniescavatore di qui proviene in giappone ed e seza certificato il mezzo a 4500 ore che rischio o grazie

  10. Giuseppe 17 aprile 2013 at 14:01

    Davvero fantastica la sua risposta, presenterò a questi ‘despallizzati’ un documento da firmare e al quel punto avrò una risposta, o forse no,certa e quanto meno sarò ‘coperto’ in caso di ispezione.

    Saluti

  11. Renato Carraro 17 aprile 2013 at 13:29

    Le assicuro che NON sono casi particolari, Lei provi a chiedere: me lo scrivi e me lo firmi? e vedrà se sono casi particolari.
    Purtroppo siamo un popolo che cerca sempre qualcuno su cui appoggiare la responsabilità, gli americani dicono: mettere la scimmia sulle spalle degli altri, ecco noi geneticamente siamo privi di spalle, come direbbe il Maroni/Crozza, siamo: despallizzatttiii.
    Cordiali saluti.

  12. Giuseppe 17 aprile 2013 at 11:20

    La ringrazio per la pronta risposta.

    Sono i classici ‘casi particolari’ che nessuno vuole affrontare, anche vista l’efficienza generale del nostro settore pubblico che non da mai risposte chiare e univoche.

    La ringrazio di nuovo

    Saluti

  13. Renato Carraro 17 aprile 2013 at 10:09

    Salve, qualsiasi sezione è adatta, forniamo comunque le risposte se le conosciamo.
    In prima battuta ritengo corretto il Suo ragionamento, però giustamente come dice Lei: dove sta scritto?
    Se non sta scritto da nessuna parte (leggi ufficiali dello Stato) ciò che dice chiunque è aria fritta.
    Quindi se qualcuno Le ha detto questa cosa, è necessario che la documenti, applichi sempre la regola d’oro: me lo scrivi e me lo firmi? vedrà che ci saranno dei profondi silenzi.
    Fornire la risposta corretta non è semplice in quanto dovrei trovare qualcosa che penso non ci sia, quindi sarebbe più pratico che chi dice che esiste questo vincolo Le scrivesse anche dov’è la legge che lo impone.

  14. Giuseppe 17 aprile 2013 at 09:36

    Scusi ma non ho messo la spunta per tenermi aggiornato su questo post allora scrivo due righe adesso

    Saluti

  15. Giuseppe 17 aprile 2013 at 09:35

    Salve

    Spero sia la sezione adatta anche se non ne sono sicuro.
    Volevo chiederle ma se la mia gru è soggetta a prima verifica periodica e come ente accreditato scelgo ‘ALFA’ con dichiarazione CE sempre fatta da ‘ALFA’ dove sta scritto che il soggetto abilitato ‘ALFA’ non può effettuare la verifica in quanto un soggetto abilitato che ha rilasciato la dichiarazione CE non può effettuare la prima delle verifiche periodiche ma solo le successive?, io non trovo nessun punto sul decreto in merito alla questione. Potrebbe aiutarmi cortesemente?

    Complimenti e Saluti

  16. Renato Carraro 3 marzo 2013 at 20:25

    Salve, non mi permetterei mai un’affermazione del genere, su quali basi?
    Intendo dire che la marcatura CE è un dovere di chi vende e non di chi acquista, ed il bene privo di marcatura CE non puó essere venduto se non come ferro vecchio.
    Siccome chiedere alla casa madre non dovrebbe essere un problema non vedo la ragione per non farlo e soprattutto perchè Lei si sobbarchi il costo della marcatura CE, primo perchè non spetta a Lei questo onere, secondo perchè si puó evitare facendo come ho detto, ma é chiaro che lo puó e deve fare il venditore e non Lei.
    Un venditore “serio” e che rispetta la legge non Le avrebbe dovuto proporre nessuna alternativa se non la macchina con la dichiarazione di conformità ed il manuale, oppure venderla come ferro vecchio.
    Cordiali saluti.

  17. mauro 3 marzo 2013 at 20:15

    Salve ancora, non capisco intende che potrebbe essere rubato?Se vado dai vigili con il numero di telaio riescono a dirmi se e’ stato rubato o se e’ tutto apposto?Il proprietario mi aveva detto che mi rilasciava una carta che dice che l ho comperato da lui casomai dovrei rifare la marcatura CE quanto mi puo’ costare? Grazie

  18. Renato Carraro 2 marzo 2013 at 20:00

    Salve, Le fornisco prima la risposta “commerciale” cioé quella dei “furbetti” che gestiscono la loro attività “professionale” per vivere alle spalle del prossimo:
    – Lei DEVE fere la marcatura CE ed un nuovo certificato (badi bene che il certificato non esiste, ma se serve si inventa) e puó dare l’incarico a noi che Le togliamo ogni responabilità! Ricorda la storia del gatto e la volpe con Pinocchio? Di questi personaggi è pieno il web e non solo.
    Ora Le do la mia risposta:
    – la macchina ha meno di 10 anni, quindi il produttore o l’importatore deve avere il fascicolo tecnico della macchina. Chieda alla casa produttrice o all’importatore di darle una copia della “dichiarazione di conformità”. Se Le dicono che non é possibile, La stanno imbrogliando, i “furbetti” non sono solo tra i “professionisti”, e quindi non acquisti la macchina.
    Cordiali saluti.

  19. mauro 2 marzo 2013 at 19:48

    Salve io volevo sapere: una ditta vicino al mio paese vende un escavatorino anno 2006 su di esso c’e’ la tabella CE ma il certificato e’ andato perso questo certificato ci vuole anche per me uso privato o solo per le ditte?La ringrazio in anticipo

  20. Renato Carraro 28 febbraio 2013 at 23:12

    La ringrazio per la correttezza delle Sue argomentazioni e per la documentazione a supporto del Suo argomentare.
    Non ho la competenza per contestare ciò che sta scritto sulle leggi, mi limito a valutare che se una macchina attuale dopo 10 anni rimane priva di responsabile ed è il conduttore a risponderne al 100%, allora c’è qualcosa che non quadra se una macchina costruita prima del 95 puó lavorare senza alcun limite di tempo.
    Affermo semplicemente che io non faró perizie su macchine costruite prima del 95 e che ritengo che chi utilizza macchine con piú di 10 anni senza averne rinnovano la marcatura CE, ma piú specificamente rifatto l’analisi dei rischi e le azioni conseguenti, si prende dei notevoli rischi civili e penali.
    Naturalmente poi ognuno sceglie in coscienza e secondo i propri criteri, ma la logica della sicurezza deve necessariamente portare a macchine sicure e non a macchine che rispettano formalmente la legge.
    Aggiungo un’ultima cosa, Lei riporta giustamente ciò che dice una legge, cioè che i requisiti di sicurezza antecedenti il 95 devono essere rispettati, ma sono gli stessi che ha confermato la direttiva macchine, che però ha aggiunto degli obblighi formali per il produttore e dei limiti temporali per la responsabilità.
    I requisiti di sicurezza devono essere sempre rispettati, ma chi li deve garantire cambia nel tempo, è esattamente questo il punto di vista diverso nei nostri discorsi, Lei concentra l’attenzione sul prodotto (la sostanza) io sulla responsabilità e sui documenti (la forma), ma la legge le esige entrambe.
    Quindi La ringrazio nuovamente per il Suo contributo e spero sia chiaro che i miei ragionamenti non puntano alla marcatura CE ad ogni costo, ma alla sicurezza massima possibile SEMPRE.
    Cordiali saluti.

  21. Alessandro 28 febbraio 2013 at 21:28

    La mia domanda era senz’altro riferita a macchine di mia proprietà acquistate prima del 1995 e prive di marcatura CE in quanto a quei tempi non esisteva.
    In base alla suo discorso, per poter essere in regola con la normativa vigente, dovrei far effettuare la marcatura CE ai mezzi movimento terra che ne sono sprovvisti ma,leggendo l’art. 70 del D.lgs 81/08, a mio parere, sembrerebbe che una macchina costruita prima dell’emanazione di una norma, debba rispettare i requisiti di sicurezza vigenti al momento della sua costruzione. Riporto di seguito l’art. 70 del D.Lgs 81/08:
    ” 2. Le attrezzature di lavoro costruite in assenza di disposizioni legislative e regolamentari di cui al comma 1, e quelle messe a disposizione dei lavoratori antecedentemente all’emanazione di norme legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto, devono essere conformi ai requisiti generali di sicurezza di cui all’allegato V.
    3. Si considerano conformi alle disposizioni di cui al comma 2 le attrezzature di lavoro costruite secondo le prescrizioni dei decreti ministeriali adottati ai sensi dell’articolo 395 del decreto Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547, ovvero dell’articolo 28 del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626.”
    Questa è solo una mia opinione ma, se è vero quanto da Lei affermato, anche i venditori di mmt usate prive di CE dovrebbero astenersi nel venderle o, perlomeno effettuarne la certificazione ma nessuno lo fà, e vengono immesse nel mercato così come sono.
    Resto in attesa del suo parere che, sicuramente, è molto più esperto del mio.
    Cordiali saluti.

  22. Renato Carraro 26 febbraio 2013 at 19:58

    Salve, in effetti Lei tocca un argomento molto interessante e sul quale abbiamo dibattuto altre volte.
    Fermo restando che le macchine ante 1995 dovevano rispettare la legge previgente e quindi per quelle poteva essere ancora valida l’emissione di una perizia asseverata, per le macchine marcate CE si crea una situazione sulla quale nessuno vuole prendere posizione, ma che a nostro avviso è chiara e confrontata con vari pareri legali.
    Vediamo in dettaglio:
    La direttiva macchine (anche tutte le altre) dice che il costruttore deve conservare il fascicolo tecnico della macchina per 10 anni, il che significa che allo scadere del 10° anno lo può distruggere e non risponde in ogni caso di eventuali problemi della macchina, anche perché dopo tale tempo e senza alcun controllo su come è stata usata e su come sono state svolte le attività di manutenzione, di cosa dovrebbe rispondere? Se così non fosse per quanto tempo il costruttore dovrebbe rispondere della macchina? Per sempre e senza averne alcun controllo? Sembrerebbe eccessivo, comunque il termine è 10 anni e non lo abbiamo deciso noi.
    Quindi dopo 10 anni la macchina rimane “orfana” del principale responsabile sui vizi occulti di progettazione e di costruzione ed a questo punto subentra automaticamente e senza saperlo, colui che ha in gestione la macchina, presumibilmente il proprietario e siccome la macchina non è più dotata di marcatura CE valida, a questo deve provvedere appunto costui.
    Non è sufficiente una perizia di terzi, perché comunque la macchina per rispettare la legge vigente (non quella previgente) deve essere marcata CE.
    Quindi le perizie asseverate forse potrebbero andare bene per macchine ante 1995, anche se dovrebbero comunque avere i sistemi di sicurezza in linea con le attuali esigenze e qui si pone il problema di quale norma dovrebbero rispettare.
    Devo infine segnalare che ormai da vari anni le società di leasing non chiedono più le perizie asseverate (ma qui porto solo la mia personale esperienza che può essere certo smentita da altre contrarie)bensì esigono la marcatura CE che è obbligatoria per poter far lavorare le macchine operatrici in cantiere.
    Infine corre l’obbligo di precisare che la 81/08 chiede che tutti i macchinari rispettino le direttive vigenti, quindi questo rimanda al ragionamento precedente.
    Dovendo fare una rettifica e rispettando i termini corretti potremmo dire che fino al 2005 potevano ancora essere utilizzate le perizie asseverate e successivamente doveva essere eseguita in ogni caso la marcatura CE, quindi in effetti avrei dovuto cambiare prima la mia comunicazione.
    Il Suo commento dimostra ciò che non mi stanco mai di ripetere: quello che trovate sui blog ed in generale in internet, deve essere sempre verificato, perché anche in perfetta buona fede o basandosi sulla propria esperienza si possono commettere errori anche grossolani e Voi non dovete correre il rischio di basare le Vostre azioni sugli errori altrui.
    Grazie per avermi dato l’opportunità di precisare questo aspetto e di correggere un errore.
    Cordiali saluti.

  23. Alessandro 26 febbraio 2013 at 19:27

    Buonasera Ing. Carraro,
    sono un’impresa e volevo alcuni chiarimenti per l’utilizzo di macchine movimento terra senza CE all’interno dei cantieri.
    Leggendo i commenti su tale argomento ho notato che, a chi le formulava la mia stessa domanda, nel 2010 rispondeva che era sufficiente una perizia asseverata come previsto dal D.Lgs 81/08;
    mentre nei commenti più recenti risponde che è necessario effettuare la marcatura CE.
    Come mai? La perizia asseverata non è più valida?
    Grazie!!

  24. Renato Carraro 15 febbraio 2013 at 16:09

    Bene, l’importante è che alla fine ci capiamo.
    La macchina per lavorare deve avere la marcatura CE, se ha necessità noi possiamo aiutarLa in questo lavoro, se lo desidera ci chieda un preventivo all’indirizzo carraro@xvoi.net
    Cordiali saluti
    ing. Carraro

  25. pierpaolo 15 febbraio 2013 at 15:58

    Mi scuso ho sbagliato scrivendo (il grader ha la targa stradale dal 1990 )parlavo della targa CE. Ora per poter operare in un appalto pubblico chiedono la certificazione ce della macchina, io sto solo chiedendo se una macchina vecchia come la mia può essere messa a norma con marcatura “CE” e se ne vale la pena spendere soldi per adeguarla alla normativa, insomma renderla idonea per i lavori in cantiere
    Mi scusi ancora cordiali saluti

  26. Renato Carraro 15 febbraio 2013 at 15:05

    Salve, la targa stradale non c’entra con la marcatura CE ed è una procedura da fare al P.R.A., ma non posso dire altro perchè non è ambito del mio lavoro ed io penso che se uno non sa o domanda o sta zitto, nel mio caso sto zitto, perchè potrei crearLe solo confusione.
    Per quanto riguarda l’uso in cantiere della macchina, è necessaria la marcatura CE e Lei è il soggetto obbligato a farla, noi possiamo nel caso fornirLe la consulenza.
    Cordiali saluti.

  27. pierpaolo 15 febbraio 2013 at 15:00

    parlavo di targa stradale Ma vorrei sapere se si possono fare le procedure per metterla in regola e se e si a quanto può ammontare la spesa Cordiali saluti

  28. Renato Carraro 15 febbraio 2013 at 13:54

    Salve, non so di che targa parla, se è quella stradale o quella della marcatura CE.
    La macchina deve essere marcata CE e quindi deve fare tutte le procedure previste.
    Cordiali saluti

  29. pierpaolo 15 febbraio 2013 at 13:26

    Buon giorno ho un motor grader caterpillar del 1970 regolarmente targato vorrei sapere come metterlo in regola con le normative vigenti sempre se possibile.Io lo acquistai nel 1987 senza targa e lo misi in regola di targa qualche anno dopo

  30. Renato Carraro 28 dicembre 2012 at 15:53

    Salve, oltre agli interventi sula macchina, cioè le modifiche da apportare, Lei deve fare anche la marcatura CE e nel fare questo troverà anche tute le risposte alle Sue domande.
    Per quanto riguarda il costo della struttura non Le posso essere utile, perchè non sono cose che noi trattiamo, mentre per la consulenza sulla marcatura CE, può farci una richiesta di preventivo al nostro indirizzo che trova sulla home page.
    Cordiali saluti.

  31. giovanni 28 dicembre 2012 at 09:21

    Buongiorno,
    avrei bisogno di un’informazione. Sono titolare di un’azienda che si occupa di manutenzione su macchine movimento terra e mi è stato chiesto di mettere in sicurezza un escavatore del 1994. Come mi devo comportare con il rischio ribaltamento? Devo obbligatoriamente installare una struttura ROPS? Quali sono i costi?
    Grazie,
    Cordiali Saluti.

  32. Renato Carraro 21 luglio 2012 at 11:48

    Salve, secondo me le macchine dovrebbero essere marcate CE, anche se lo fossero state in origine, ed a maggior ragione se non lo erano.
    La perizia poteva essere sufficiente per macchine costruite prima del 95′ ma fino al 2005, dopo tale data dovrebbero sempre essere rimarcate, ma forse chi vive di perizie tecniche non la pensa allo stesso modo.
    Sul fatto che la perizia la possa fare Lei mi permetto una considerazione: non entro nel merito se un geometra possa o meno fare questo tipo di perizia, ma Lei in particolare, se non conosce quali direttive e norme devono rispettare queste macchine, come la farebbe la perizia?
    Cordiali saluti.

  33. Marcello 20 luglio 2012 at 15:21

    Sono titolare di una impresa edile individuale: sono proprietario di una pala caricatrice FL 10 C degli anni ’80, ma quando la ho acquistata non non mi è stato dato nulla. la pala ha anche il tettuccio rops omologato(c’e’ la targhetta), ora mi chiedo posso fare come in alcune discussioni precedenti far fare una perizia giurata da un ingegnere… la posso fare io visto che sono geometra iscritto all’albo, a quale normativa devo fare riferimento????
    Lo stesso vale per una minipala libra immatricolata il 1/04/1994 con regolare libretto ma senza marcatura CE…
    Come posso fare per regolarizzare queste macchine per l’uso in cantiere????
    Sicuro di una risposta la ringrazio anticipatamente.

  34. LAZZERONI GIUSEPPE 2 maggio 2012 at 22:03

    Grazie 1000 a presto.

  35. Renato Carraro 2 maggio 2012 at 21:36

    Salve, il certificato a cui Lei fa riferimento é probabilmente la marcatura CE, di cui la macchina deve essere provvista.
    Le invieró privatamente il preventivo per il nostro intervento.
    Cordiali saluti.

  36. LAZZERONI GIUSEPPE 2 maggio 2012 at 21:27

    SALVE HO APPENA COMPERATO UN ESCAVATORE HITACHI ZX 50, PERO IL PROPIETARIO A SMARRITO IL CERTIFICATO CE E VOLEVO SAPERE COME POTER FARE PER AVERE UN DUPLICATO PER POTERLO INSERIRE NELLA MIA DITTA, OPPURE SE RIUSCIVATE A FARMI UN DOCUMENTO VOI. CORDIALI SALUTI GIUSEPPE.

  37. Renato Carraro 19 aprile 2012 at 08:10

    Salve, ritengo che l’ufficio presposto a tale operazione sia la Motorizzazione Civile.
    Saluti.

  38. FRANCESCO 19 aprile 2012 at 08:06

    salve, io ho un bob cat 553 del 2006 e vorrei mettere le targhe ,cosa e dove devo andare per far questo.
    grazie.

  39. Renato Carraro 2 aprile 2012 at 18:09

    Salve, la Sua azienda deve marcare tutti i prodotti e non solo se lo chiede il cliente. Questo obbligo esiste dal 1993, quindi è già passato un pò di tempo da quando è iniziato, in molti casi da prima che nascessero molte carpenterie.
    Nel caso i portoni siano motorizzati rientrano in direttiva macchine, altrimenti in direttiva prodotti da costruzione.
    La nostra società fornisce il servizio di marcatura CE, lo ripeto perchè nonostante sia scritto un pò in giro nel sito, molti quando ci interpellano ce lo chiedono.
    Cordiali saluti.

  40. EMANUELA 2 aprile 2012 at 17:35

    buongiorno,
    chiedo un aiutino ….sono produttrice di carpenteria leggera …
    (cancelli , recinzioni, inferiate, ringhiere …) devo fare 4
    portoni scorrevoli nello stabile produttivo , il proprietario
    mi richiede la CE …ne ho l’obbligo ??? e chi me la può dare o verificare ???
    grazie mille Emanuela

  41. Renato Carraro 8 maggio 2011 at 10:42

    Nessun problema a volte capita, l’importante è comprendere che anche nella comunicazione informatica ci sono sempre delle persone dietro alla macchine.
    Noi facciamo queste perizie, quindi se è interessato può contattarci all’indirizzo mail.
    Cordiali saluti

  42. calderaro seby 6 maggio 2011 at 20:28

    salve alei, scusami per non averla salutato ieri.ma lei si occupa di queste perizzie?é possibbile eventualmente contattarla. ma la macchina è fornita di cabbina,o tettoia quindi bisogna apportargli delle modifiche. cordiali saluti

  43. Renato Carraro 6 maggio 2011 at 09:43

    Salve, che bello salutare le persone quando si parla con loro!
    L’unica cosa fattibile è una perizia da parte di un tecnico.
    Cordiali saluti
    ing. Carraro

  44. calderaro seby 5 maggio 2011 at 20:04

    ho una apripista fiat allis degli anni 80 in ottimo stato e ben funzionante e possibile avere la certificazione ce ?, ha chi mi devo rivolgere?

  45. Renato Carraro 30 dicembre 2010 at 00:05

    Salve nel ’96 l’escavatore avrebbe dovuto avere il marchio CE a meno che non risultasse costruito prima del settembre ’95.
    In ogni caso ora Lei ha due possibilità:
    1 fare la marcatura come se Lei fosse il costruttore
    2 far fare una perizia asseverata, come previsto dal Dlgs 81/08, per assicurare che la macchina è sicura.
    Le consiglio la seconda soluzione, che è più pratica e conveniente, per farla si può rivolgere ad un tecnico iscritto all’albo, non so se sia sufficiente un perito tecnico, sono certo che un ingegnere lo possa fare.
    Cordiali saluti
    ing. Carraro

  46. Enrico 29 dicembre 2010 at 20:55

    Salve io ho acquistato un escavatore del ’96 senza certificato CE,nè marcatura…cosa dovrei fare per certificarlo??a chi devo rivolgermi??
    Cordiali saluti

  47. Renato Carraro 16 dicembre 2010 at 22:38

    Salve, personalmente ritengo ci siano due strade o fare la marcatura dato che non è mai stata fatta, o fare una perizia giurata, che afferma che la macchina è rispettosa delle leggi precedenti l’entrata in vigore della direttiva macchine.
    Cordiali saluti.

  48. maurizio 16 dicembre 2010 at 21:39

    Salve , io ho aquistato una mini pala gommata usata senza targa anno 93 e mi chiedevo se posso metterla su strada . Io sono in possesso di un certificato d’origine e di un libro in cui ci sono i relativi dati tecnici però sono privo del certificato di conformità . ho chiesto alla ditta officinepiccini dando tutti i dati di cui la matricola e mi anno dato la risposta che non si può più certificare . la mia domanda è come posso fare ? è possibile ottenere questo certificato !? Cordiali saluti

  49. Renato Carraro 12 dicembre 2010 at 11:02

    Salve, la Sua è una domanda molto interessante, perché espone una questione non affrontata dalle direttive, cioè cosa succede dopo 10 anni dalla costruzione e dalla vendita di un prodotto? Il produttore ha l’obbligo di conservare la documentazione relativa per 10 anni, ciò significa che dopo la può eliminare, quindi di fatto il prodotto verrebbe ad essere privo delle caratteristiche previste dalla marcatura.
    Se il Suo prodotto è marcato CE ed ha il manuale, Lei lo può utilizzare normalmente, ma se lo vuole vendere o anche farlo utilizzare dai Suoi dipendenti, ritengo che il rispetto delle direttive e delle norme imponga di marcarlo nuovamente.
    Del resto per alcuni prodotti es: da costruzione, ci sono dei controlli da parte di terzi, che hanno periodicità annuale o biennale.
    Cordiali saluti.

  50. TORSELLO LUIGI 11 dicembre 2010 at 21:29

    HO PERSO IL CERTIFICATO DI CONFORMITA’ DI UN MINIESCAVATORE O&K 15 QLI DEL 1997 MARCATO CE….SONO ANCORA IN REGOLA?….SE NON LO SONO .COSA DEVO FARE? L’O&K ORAMAI E STATA ACQUISTATA DA UN ALTA AZIENDA. HO CHIESTO IL DUPLICATO…NON MI HANNO NEANCHE RISPOSTO

Leave A Comment