Verifica di conformità dei prodotti

/Verifica di conformità dei prodotti
Verifica di conformità dei prodotti 2017-03-29T14:13:19+00:00

La nostra società esegue le verifiche di conformità CE, per molte categorie di prodotti.

Forniamo la certificazione sulla correttezza e validità dei documenti a disposizione dei nostri clienti.

Se immetti un qualsiasi prodotto sul mercato, devi rispettare le leggi che lo disciplinano, contattaci!

Chiama ora il 335 7815770 o invia una mail a: carraro@marchioce.net

i contatti sono attivi 7/7 – dalle 8 alle 24.


I molti casi, sia i fabbricanti di varie tipologie di prodotti, sia coloro che utilizzano attrezzature e macchinari autocostruiti o molto vecchi, hanno necessità di sapere se questi sono conformi ai criteri di sicurezza, imposti dalla legge.

Noi eseguiamo la verifica di conformità di sicurezza per molte categorie di prodotti.

La verifica della conformità serve a stabilire se un prodotto possiede tutti i requisiti che lo rendono sicuro, nei limiti delle possibilità tecniche.

La verifica di conformità è cosa diversa dalla certificazione, che afferma il rispetto di una determinata norma, ed è diversa dalla marcatura CE, che è garanzia di sicurezza di tutti i prodotti immessi sul mercato.


Ecco alcune considerazioni su Marcatura CE e certificazione CE.

Che sia più importante l’una o l’altra?  Quale si deve avere per rispettare la legge?  Dove si possono trovare le conferme?  Ma perchè sono due cose diverse?

Le domande in proposito sono molte e la confusione ancora maggiore, tant’è che la maggioranza delle persone confonde la certificazione con la marcatura e scambia una cosa volontaria (la certificazione) con una obbligatoria (la marcatura).

Facciamo un esempio che potrebbe chiarire in modo definitivo la questione e consideriamo le scarpe.


                                                                                         

Le scarpe possono avere i lacci, ma possono anche non averli. A volte i lacci sono indispensabili altre volte sono decorativi, altre volte infine non ci sono proprio.

Considerate che le scarpe siano la marcatura CE ed i lacci siano la certificazione ed avrete compreso per quale ragione non si possono e non si devono confondere ed anche qual’è il rapporto fra loro.

Di marcatura CE parliamo in tutto il blog, in questa pagina ci soffermiamo sulla certificazione CE.

Certificare significa affermare con certezza ed in modo formale una qualche cosa, nel caso specifico significa dichiarare in modo formale che un prodotto rispetta le leggi sulla marcatura CE cioè sulla sicurezza, che lo riguardano.

Certificare CE una macchina significa emettere un documento (il certificato)  che dichiara che la macchina rispetta la direttiva macchine e questo documento deve essere rilasciato da una persona che abbia la capacità e la competenza per poter fare questa valutazione.

Nel caso specifico un tecnico esperto di macchine, che abbia avuto una formazione teorica e pratica, può essere la persona giusta.

Esistono degli enti che accreditano le persone che hanno le competenze adatte, ciò non significa però che solo le persone accreditate abbiano le competenze o che certamente quelle accreditate ce l’abbiano, come sempre è necessario saper valutare chi ci propone un servizio, ma torniamo alla certificazione.

La macchina, per proseguire l’esempio, deve avere determinate caratteristiche che sono indicate dalla direttiva e sono più dettagliatamente specificate in norme di prodotto, chi certifica la macchina dichiara che quelle caratteristiche sono di fatto rispettate e rilascia una dichiarazione scritta (il certificato) a tale scopo. Una cosa analoga ad una perizia, solo che in questo caso riguarda solo la conformità della macchina alle direttive ed alle norme relative alla sicurezza e non al suo stato generale.

La certificazione può riguardare prodotti già sul mercato, oppure prodotti che devono essere immessi sul mercato o prodotti in fase di progettazione, è sempre e comunque il parere di un esperto in relazione alla sicurezza del prodotto.

Noi abbiamo pensato per molto tempo ed anche oggi in realtà la pensiamo così, che il vero esperto sia colui che la macchina l’ha ideata e costruita ed abbiamo troppo rispetto per i produttori per pensare che abbiano bisogno di un valutatore esterno.

Ci sono stati però dei casi in cui abbiamo constatato degli errori abbastanza importanti e per tale ragione abbiamo deciso di metterci a disposizione per fornire la verifica di conformità di alcune tipologie di prodotti, quelli che rientrano nel campo della nostra conoscenza ed esperienza, le macchine appunto, le apparecchiature elettriche, le elettro macchine, le strutture metalliche ed altro.

Oltre al fatto che alcuni produttori possono avere la necessità o lo scrupolo di verificare i loro prodotti, un altro motivo ci ha spinto verso questa scelta ed è la constatazione che sul mercato ci sono un sacco di “esperti” che hanno maturato la loro esperienza su qualche tipo di “bignami” o su internet e che si propongono come i “salvatori” dei produttori, fornendo spesso informazioni errate, moduli fotocopiati, dichiarazioni vuote e prive di alcun significato.

Ad esempio cosa significa: dichiaro di aver visionato la documentazione fornita dal produttore (cinese) e che in essa sta scritto che il prodotto è conforme! ?????? Questa è chiaramente una presa in giro, ma se la scrive un Ente con tanto di timbro e carta patinata, diventa una specie di salvacondotto per la sicurezza del produttore (per quelli che non leggono bene e si accontentano dei ghirigori stampati sulla carta).

La nostra presenza sul mercato forse porterà via un pò di spazio a questi “furbetti” ed eviterà, almeno un pò, che facciano ulteriori danni.

Vogliamo fornire ai produttori/importatori un servizio basato sulla nostra esperienza (40 anni di consulenza tecnica) e soprattutto indicare gli elementi per valutare il nostro lavoro, perchè a nostro avviso l’esperto non è colui che pontifica e rivela la sua verità, ma chi fa conoscere e capire agli altri qualcosa che a loro è utile e lo sarà anche in futuro.

Vuoi controllare se il Tuo prodotto è conforme alle leggi? Puoi rivolgerti a noi! Chiama il +39 335 7815770 o scrivete a carraro@marchioce.net

logo sito

La nostra società esegue verifiche di conformità CE per molte categorie di prodotti.

7 Comments

  1. Renato Carraro 13 aprile 2017 at 18:48

    Salve, le lampade vanno considerate come prodotto unico ed i vari componenti sottostanno alle medesime direttive del prodotto finale
    Cordiali saluti
    ing. Carraro

  2. Umberto 13 aprile 2017 at 16:40

    Buongiorno,
    sono un architetto.
    Sto lavorando alla realizzazione di una serie di lampade che montano dei paralumi in tessuto elastico (Nylon o Poliestere).
    Mi affaccio ora alla parte legata alle normative.
    Cercando in internet non si trovano normative specifiche legate all’accoppiamento tessuto – fonte luminosa.
    Per il momento ho solo trovato che non è necessario un tessuto ignifugo o di una particolare classe di resistenza al calore finché si rispetti una certa distanza dalla fonte luminosa.
    Ad ogni modo affinché il tessuto possa essere impiegato per la realizzazione di un paralume, questo deve appartenere ad una classe particolare o riportare un’apposita marcatura?

  3. Renato Carraro 15 gennaio 2014 at 17:36

    Salve, Lei vende un prodotto che ha necessità della marcatura CE, quindi deve provvedere in tal senso.
    Cordiali saluti.
    Ing. Carraro

  4. Giuseppe 15 gennaio 2014 at 14:40

    Buongiorno
    Vorrei chiarire alcuni dubbi.
    Sto realizzando una serie di lampade smontabili in compensato di legno e dovrei attivare a breve un e-commerce.
    Le lampade saranno vendure smontate con il portalampada e filo già assemblati e certificati con marchio CE.
    Vorrei capire se la struttura in legno, trattata con vernici ignifughe, ha bisogno di una certificazione.

    Grazie per l’attenzione

  5. Renato Carraro 11 novembre 2013 at 14:28

    Buongiorno, ciò che questi prodotti devono avere obbligatoriamente è il marchio CE che è conseguente alla esecuzione di tutte le procedure per la marcatura CE.
    Prima di tutto è necessario dimostrare che il prodotto rispetta le norme a cui è soggetto ed inoltre dimostrare che tutti i prodotti della serie (uguali al campione) rispettano anch’essi le norme.
    Non è possibile spiegare in un blog, nel dettaglio tutto ciò che comporta fare la marcatura CE, prima di tutto Lei deve conoscere le direttive e le norme che regolano il prodotto e poi metterle in pratica.
    Può farlo da solo o facendosi aiutare da chi Le può fornire la consulenza, ma consulenza significa cose scritte e firmate e non opinioni espresse via web, dato che nel web si può scrivere di tutto senza alcuna necessità di verifica che non può essere fatta da alcuno.
    Quindi decida se vuole andare avanti come autodidatta oppure farsi aiutare e poi proceda.
    Cordiali saluti
    ing. Carraro

  6. ENZO 11 novembre 2013 at 13:55

    Gentili, desidero che per il mio post, una volta moderato, venga rispettata la privacy e dunque cancellati il mio nome e cognome.

  7. ENZO 11 novembre 2013 at 13:47

    Gentili di marcaturace.it
    dopo aver avuto esperienze personali con certificati falsi, ed enti di certificazione incompetenti, concordo con voi per quanto avete scritto sulla vostra home page, e spero possiate auitarmi, o meglio guidarmi a superare un ostacolo che ho trovato sulla strada del mio nuovo Business.

    Mi chiamo Enzo, e sono un web master esperto in vendite on-line,
    dopo attente ed accurate analisi di mercato, test su fornitori e valutazione dei rischi,

    ho deciso di aprire a gennaio un e-commerce per la vendita di prodotti per tatuatori ed estetisti.

    Principalmente il mio business si basa sulla vendita di macchine per il tatuaggio, comunemente chiamate Tattoo Machine che lavorano a basso voltaggio, il mio problema è che le importo dalla Cina, e nessuna azienda cinese ha certificato CE e Rohs per queste macchine.

    La mia domanda è siccome a gennaio aprirò partita iva, vorrei premunirmi già da ora per sbrigare le pratiche che mi servono ad importare questi prodotti rispettando le norme della Comunità Europea.

    Le domande che vi porgo sono:

    Potete voi certificare queste macchine senza che io abbia alcun documento dalla casa produttrice Cinese?

    Bastano i certificati CE per macchine a bassa tensione e Rohs oppure la lista si allunga?

    Devo far stampare il marchio CE sulle macchine o sulla scatola?

    Vi ringrazio anticipatemente per il vostro interesse, Certi di un vostro cordiale riscontro

    invio i miei più cordiali saluti.

    Enzo Ferraro

Leave A Comment